Pianificazione dello Spazio Marittimo

Il Settore Programmi europei e nazionali di RAM supporta la Direzione generale per la vigilanza sulle Autorità portuali, le infrastrutture portuali ed il trasporto marittimo e per le vie d’acqua interne nelle attività di gestione e monitoraggio del Progetto europeo Spatial planning in the Eastern Mediterranean (SUPREME) - cofinanziato dallo European Maritime and Fisheries Funds (EMFF) che ha come obiettivo quello di supportare gli Stati Membri nell'implementazione della Direttiva 2014/89/UE che istituisce un quadro per la pianificazione dello spazio marittimo e di attuare la cooperazione sulla pianificazione transfrontaliera nel bacino marino nell'ambito del Mediterraneo orientale.

Il Progetto SUPREME, coordinato da CORILA (insieme ai suoi associati ISMAR-CNR e Università IUAV di Venezia), è costituito da un complesso partenariato che coinvolge 4 Paesi e così articolato:

  • Italia: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, in qualità di Autorità competente per l’attuazione della Direttiva 2014/89/UE e Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare;
  • Grecia: Ministero dell'ambiente e dell'energia con la collaborazione accademica della National Technical University of Athens, l’University of Thessaly e la National and Kapodistriako University of Athens;
  • Croazia: Croatian Institute for Spatial Development;
  • Slovenia: Regional Centre of Development of Koper .

A questi si aggiunge l'UNEP-MAP con i due centri regionali INFO-RAC e PAP-RAC.

I partner italiani hanno individuato come caso di studio, all’interno del progetto, l’area del Nord Adriatico, e nello specifico le acque prospicenti la costa delle Regioni Friuli Venezia Giulia, Veneto ed Emilia Romagna. In questa area è stato condotto un esercizio di pianificazione con l’obiettivo di sperimentare gli strumenti disponibili di Maritime Spatial Plan (MSP) e proporre esempi di possibili misure di piano. Tale esercizio inoltre, rappresenta l’occasione di illustrare come possono essere affrontate le sfide per l'attuazione della MSP tenendo conto della dimensione transfrontaliera dei casi studi implementati da ciascun Paese.

SUPREME rappresenta, inoltre, un’opportunità per sperimentare un approccio di pianificazione a supporto della elaborazione dei futuri piani nazionali di gestione dello spazio marittimo secondo quanto previsto dal Dlg.s 201/2016. Spetta al Comitato Tecnico, istituito presso il MIT, la redazione dei piani di gestione, per ogni area marittima individuata, nel rispetto delle Linee Guida elaborate dal Tavolo Interministeriale di Coordinamento. I piani di gestione dello spazio marittimo saranno approvati, entro il 31/12/2020, con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, previo parere della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano.

Link utili:

DIRETTIVA 2014/89/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 luglio 2014 che istituisce un quadro per la pianificazione dello spazio marittimo

Decreto Legislativo n. 201/2016 - Attuazione della direttiva 2014/89/UE che istituisce un quadro per la pianificazione dello spazio marittimo